Trasversale Sicula

Quella che percorrerete con l'Associazione Vivere Slow è la tratta della Trasversale Sicula, Contessa Entellina - Area Archeologica Naturalistica Castello di Calatamauro.

Distanza circa 5 km

Volendo ritornare a Contessa e fare un giro circolare circa 10 km.

Il percorso non è complesso ed è adatto ad escursionisti allenati.

La durata del percorso completo è di circa 4 ore.

A metà percorso, nell'area del mulino ad acqua, sarà possibile effettuare una degustazione di prodotti del territorio.

Numero minimo di partecipanti 3 persone fino a 50.

 

vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow
vivereslow

LA TRASVERSALE SICULA dalle parole di Peppe De Caro

La teoria dell’archeologo Biagio Pace che ha ispirato il gruppo della Trasversale Sicula (Tano Melfi e Peppe De Caro, appassionati di storia e camminatori e Giuseppe Labisi e Sareh Gheys, archeologi) a ripercorrere a piedi l’itinerario dell’Antica Trasversale Sicula che collegava, e collega, le greche Kamarina e Morgantina e la cartaginese Mozia.
Biagio Pace (archeologo)
“Nella Sicilia antica non esisteva una sola trasversale, ma un insieme di rotte trasversali che collegavano i principali centri e santuari sicelioti e indigeni”: così le considerazioni del prof. G. Uggeri (prof. emerito di Topografia Antica all’Università di Roma “La Sapienza”) hanno contribuito a ricalibrare l’Antica Trasversale Sicula che verrà ripercorsa dal prossimo 4 ottobre per un insieme di 577 chilometri nell’entroterra siciliano.
599/98 a.C.: Siracusa fonda la città di Kamarina nel sudest siciliano, su un promontorio bagnato da due fiumi e affacciata sul mare africano.
553/52 a.C.: kamarinesi e siculi, alleati e abitanti del territorio ibleo meridionale, furono sconfitti dall’esercito siracusano sulle sponde del fiume Irminio.
L’Antica Trasversale Sicula percorrerà regie trazzere borboniche (“quasi tutte le vecchie trazzere non erano in ultima analisi che le pessime e grandi strade dell’antichità greca e romana, e talune forse rimontano ancora più addietro”, P. Orsi) e tracciati ferroviari dismessi attraverso le antiche strade del vino, del grano, del sale, dell’olio, del miele e dello zolfo, passando per i principali insediamenti e santuari greci, siculi, sicani, elimi e cartaginesi, molti dei quali riconosciuti dall’UNESCO per la loro unicità.
Partendo da Kamarina si raggiunge l’antica via Selinuntina e il sito di Pantalica; da lì il saltus camarinensis presso Licodia Eubea e il santuario siculo di Palikè. Poi Morgantina, del lago di Pergusa, Enna, Hyppana (nei pressi di Prizzi), Entella e Segesta, sino a Mozia. Un cammino nella Storia ma anche nei profumi, in paesaggi testimoni di differenti culture e luoghi suggestivi (antiche ferrovie dismesse, riserve naturali e siti Patrimonio Unesco).
A piedi, per la Sicilia, per oltre 40 giorni in tenda e/o ospiti di Comuni e Associazioni, si attraverseranno 37 tra città e borghi, tra costa ed entroterra:
Kamarina (Scoglitti), Castello di Donnafugata (Ragusa), Comiso, Chiaramonte Gulfi, Giarratana, Palazzolo Acreide, Cassaro, Sortino (Pantalica), Ferla, Buccheri, Vizzini, Licodia Eubea, Grammichele, Mineo, Palagonia, Ramacca, Aidone (Morgantina), Valguarnera Caropepe, Lago di Pergusa, Enna, Calascibetta, Villarosa, Villapriolo, Alimena, Resuttano, Vallelunga Pratameno, Castronovo di Sicilia, Prizzi, Hyppana, Corleone, Campofiorito, Contessa Entellina, Poggioreale, Santa Ninfa, Nuova Gibellina, Salemi, Calatafimi Segesta, Fulgatore, Mozia.

Stampa Email

Scout

Il nostro territorio si presta benissimo all'attività scoutistica. Incontaminato, ricco di "tesori", non troppo lontano dalla città ma nello stesso tempo isolato. Il supporto quotidiano della nostra associazione ha fatto in modo che nascessero collaborazioni davvero ricche di contenuti e di esperienze.

Sentieri già collaudati sono quelli che da Contessa Entellina portano fin sul castello di Calatamauro e poi giù verso il Mulino ad acqua scoprendo paesaggi pieni di colori, di profumi, respirando un senso di libertà.

Un ulteriore percorso è quello che da Contessa Entellina porta al bosco di Calatamauro per arrivare fino ai piedi dell'antica città di Adranon, dentro la foresta siciliana, oggi Parco dei Monti Sicani, oltre a tanti altri percorsi tracciati dall'Azienda Foreste fino a Santa Maria del Bosco, passando per antiche masserie, bevai millenari, nieviere ed alberi secolari. Nel paesino di Contessa Entellina vi è inoltre la possibilità di essere ospitati nelle strutture della parrocchia di rito greco, messe a disposizione per i pellegrini e per quanti vogliano conoscere il rito bizantino o l'iconografia, con l'opportunità di vedere e toccare con per conoscere la antiche vie che nel 1450 i soldati di Skanderberg costruirono, e visitare il museo del Contadino nel Centro Culturale Parrocchiale e l'Antiquarium di Entella "G. Nenci" e magari continuare la visita nel sito archeologico di Entella.

Contattateci, svilupperemo un programma adatto alle vostre esigenze, per un'esperienza indimenticabile e fuori dall'ordinario! Associazione Vivere Slow

scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno
scoutinverno

Stampa Email

Convivio

La manifestazione Convivio viene realizzata nel mese di novembre o dicembre ed è dedicata al vino novello, all'olio extravergine di oliva e ai prodotti tipici. Tutta la comunità si ritrova nei vicoli storici ristrutturati del comune di Contessa Entellina per offrire le specialità locali.

Allenare il corpo e risvegliare i sensi, allenarlo a mangiare prodotti di qualità, non trattati, per riceverne sensazioni meravigliose che ci guideranno a riflettere su ciò che mangiamo.

Vedi il manifesto della scorsa stagione Convivio

 

 

 

Stampa Email

Convivio

Convivio: allenate il corpo risvegliate i sensi

La manifestazione è stata organizzata dal Comune di Contessa Entellina, dalla CIA (Confederazione Italiana Agricoltori) e dall'Associazione Vivere Slow.

La degustazione è stata allestita in una location eccezionale, il quartiere del centro ristrutturato con le facciate in pietra e i tetti in legno o a volta.

Leggi tutto

Stampa Email

Origine e motivazioni della raccolta museale ENTELLA

L’idea nasce da un incontro occasionale, la sera della vigilia della festa della Madonna della Favara (settembre 2016), durante il concerto musicale in piazza, mentre Calogero Raviotta presenta brevemente a Nino Colletti gli oggetti del piccolo museo etnografico, allestito nella sede del Centro Culturale Parrocchiale.

Viene concordata una visita alle case del feudo Vaccara, dove vari oggetti e attrezzi agricoli e pastorali sono depositati in una delle stalle dismesse, pere prendere in considerazione, dopo aver verificato lo stato di conservazione, l’ipotesi di costituire una raccolta museale.

L’interesse culturale di Calogero ed il profondo legame affettivo di Nino con gli oggetti, le strutture, le case del feudo e tutto l’ambiente circostante, che gli ricordano la sua vita fin da ragazzo trascorsa nell’azienda familiare all’ombra della storica Rocca Entella, sono due circostanze che favoriscono la realizzazione della raccolta museale Entella, grazie anche all’apporto di alcuni collaboratori sia per l’aspetto culturale sia per l’aspetto organizzativo.

Questa struttura culturale privata dell’Azienda Agricola Colletti viene messa a disposizione di quanti vogliono visitarla, nel rispetto di alcune norme di sicurezza e organizzative, dopo aver visitato le varie e interessanti espressioni del patrimonio culturale e ambientale circostante: sito archeologico di Entella, Grotta Entella, lago Garcia, ecc.

A tal scopo una parte dell’ampio locale della raccolta museale è attrezzata con panchine e tavoli, che, preavvisando in tempo utile, possono essere messi a disposizione per l’eventuale sosta e ristoro dei visitatori nel corso degli itinerari turistici locali.

Nota - L’elenco dettagliato del materiale, degli oggetti e dei documenti esposti è riportato nel Glossario in quattro lingue (italiano, arbresh, siciliano e inglese), testo a disposizione di quanti visitano la raccolta museale.

Per eventuali informazioni (persone cui rivolgersi, numeri telefonici, e-mail) gli interessati possono contattare: Centro Culturale Parrocchiale, Ufficio Turistico, Biblioteca, Antiquarium “G. Nenci”, Associazione “Nicolò Chetta”, Associazione Vivere Slow e altri operatori culturali locali.

Stampa Email